Il medico che, nell’esecuzione della prestazione richiesta, si attiene ai protocolli ed alle linee guida previste dalla Comunità scientifica va esente da responsabilità professionale?

La giurisprudenza, ancora di recente, ha affermato che il rispetto da parte del sanitario delle linee guida, pur rappresentando un utile paramento nell’accertamento della colpa, riguarda unicamente l’aspetto della perizia, non potendosi precludere al giudice di valutare tutte le circostanze del caso concreto per verificare se non fosse invece opportuno, e quindi fonte di responsabilità, discostarsene per adempiere correttamente la propria prestazione (Cass. Civ. Sez. III n. 15749/2018).

    RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA GRATUITA