Che cos’è il cashback?

Con il decreto del Ministero dell’Economia e della Finanze n. 156/2020 sono state disciplinare le regole che dovranno presiedere l’utilizzo del sistema del cd. Cashback.

Questo sistema consente di ricevere un rimborso pari al 10% in denaro rispetto ad acquisiti effettuati da soggetti che, fuori dall’esercizio dell’attività di impresa, arte o professione, abbiano utilizzato strumenti di pagamento elettronico.

Modalità e funzionamento del cashback

Il documento allegato, scaricato dal sito https://www.cashlessitalia.it/cashback.html, descrive in modo specifico le condizioni richieste per accedere a questo servizio, nonché le modalità con cui garantirsi questi rimborsi ed i limiti economici degli stessi.

La fase sperimentale del cashback

La fase attuale (che va dall’ 8 dicembre 2020 al 31 dicembre 2020) è stata denominata “Extra Cashback di Natale” ed è sostanzialmente ritenuta la fase sperimentale di un sistema che dovrebbe andare a regime nel corso del 2022.

In questo primo periodo:

  • potranno accedere al rimborso esclusivamente gli aderenti consumatori che abbiano effettuato un numero minimo di 10 transazioni regolate con strumenti di pagamento elettronici.
  • Il rimborso sarà pari al 10% dell’importo di ogni transazione, tenendo conto delle transazioni fino ad un valore massimo di 150 euro per singola transazione (quelle di importo superiore a 150 euro saranno considerate comunque fino all’importo di 150 euro).
  • La quantificazione del rimborso sarà determinata su un valore complessivo delle transazioni effettuate che non potrà essere superiore a 1.500 euro.
  • Il rimborso sarà erogato nel mese di febbraio 2021.

A regime, il sistema del Cashback verrà attuato in ulteriori tre fasi:

  • gennaio 2021 – giugno 2021;
  • luglio 2021 – dicembre 2021;
  • gennaio 2022 – giugno 2022.

Per ciascun periodo, potranno accedere al rimborso soltanto coloro che, aderendo al programma, avranno effettuato almeno 50 transazioni con strumenti di pagamento elettronici. Il rimborso sarà pari al 10% dell’importo di ogni transazione con un valore massimo di 150 euro. I rimborsi verranno erogati direttamente sul conto corrente indicato dall’aderente entro 60 giorni dal termine del periodo di riferimento.

 Esclusioni dal cashback

Da questo sistema di rimborsi sono espressamente esclusi:

  • tutti i pagamenti effettuati online (es. e-commerce, etc.)
  • tutti i pagamenti effettuati per acquisti nell’ambito di qualsiasi attività d’impresa, arte o professione;
  • tutti i pagamenti effettuati per acquisti presso gli Esercenti che non dispongono di un “Acquirer Convenzionato” per partecipare al Programma;
  • tutti i pagamenti per acquisti effettuati fuori dal territorio nazionale, ivi inclusi la Repubblica di San Marino e lo Stato della Città del Vaticano;
  • le operazioni eseguite presso gli sportelli ATM (es. prelievi, ricariche telefoniche, etc.);
  • i bonifici effettuati tramite SDD (Sepa Direct Debit), cioè gli addebiti diretti su conto corrente;
  • le operazioni relative a pagamenti ricorrenti, con addebito su carta o su conto corrente;
  • ogni altra operazione che non risulti compresa ai sensi del Decreto 24 novembre 2020, n.156 emesso dal Ministro dell’Economia e delle Finanze.

È poi prevista una misura eccezionale: ai primi 100 mila aderenti che nel periodo di riferimento avranno effettuato il maggior numero di transazioni verrà attribuito un Super cashback da 1500 euro.

 

Condividi la notizia

    RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA GRATUITA